Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

HR center – Lo chiamavano telelavoro: adesso è “lavoro agile”e si fa anche in piscina

2-Isola-WOW-lavoro-agile-sara-marani-wow-webmagazine-bassa-risSolo il JobsAct, che in una delle norme della delega ancora da approvare prevede “benefici per i datori di lavoroche vi facciano ricorso per venire incontro alle esigenze di cure parentali dei loro dipendenti”, continua a chiamarlo telelavoro. E’ più di tendenza , nel nuovo secolo, parlare di lavoro a distanza o “smart working”. Oppure “lavoro agile”, secondo la definizione coniata dal Comune di Milano, che, tra tutte,  ha il pregio di

giornata-lavoro-agile-2015
contenere l’idea di bidimensionalità: richiama l’idea del movimento (vs immobilità/ineluttabilità delle scrivanie) ma anche l’elasticità del pensiero, non solo quello organizzativo. Alla Seconda Giornata del Lavoro Agile, che Palazzo Marino con l’assessora Chiara Bisconti ha indetto per mercoledì 25 prossimo insieme a una nutrita schiera di partner tra cui associazioni datoriali, manageriali e i sindacati, parteciperanno 127 aziende di tutte le dimensioni (a tutt’oggi, e sono il 20% in più dell’anno scorso), milanesi e anche di altre città (Trieste, Pescara, Pozzuoli); i comuni di Torino, Genova, Cremona, Bergamo oltre alla Città Metropolitana di Milano e alcuni municipi.
Saranno invece 7725 le persone “potenzialmente agili”, cioè quelli che mercoledì , con il beneplacido della loro azienda, ente o studio professionale,  lavoreranno da ogni luogo possibile meno che in ufficio:casa, parco, caffè, sedi decentrate, postazioni di coworking. Nella prima giornata, nel 2014, ci avevano provato in cinquemila.
Agilissimo, anzi atletico, sarà il lavoro alla portata dei frequentatori di una piscina molto popolare in città, la “Cozzi”, che avranno a disposizione fino al 27 marzo, a cura di Milanosport e del web Magazine Wow ,  alcune ” isole lavorative”  dotate di mobili design (siamo a Milano, del resto) connessione wi-fi e punti luce, installate sulla tribuna aperta al pubblico. Prossima frontiera : forse l’ufficio galleggiante sopra le corsie, come nella simulazione a colori.