Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne e lavoro – Indifferenza di genere: per la metà delle imprese assumere un uomo o una donna é lo stesso

secretaryvintageSecondo una nota di Unioncamere diffusa oggi, allo scadere del 2014 per le imprese italiane che devono assumere é indifferente prendere una donna piuttosto che un uomo.  E’ un piccolo passo avanti, se lo leggiamo com’è quantificato dai numeri: la metà delle nuove assunzioni previste (52,8%) saranno rivolte indistintamente ad ambo i sessi, nel 2011 a pensarla così era il 43,8 %.  Nel settore delle imprese sociali la quota di neutralità sul genere arriva al 68,4% ed è dunque in queste realtà che, sempre a guardare le cifre, cresce la probabilità di trovare impiego per le candidate:  il 26,3% dei programmi di assunzione delle imprese del sociale punta a inserire donne, perchè ritenute più adatte per la posizione in ricerca, intenzione dichiarata esplicitamente, invece, dal  16, 7% appena sul totale dei datori di lavoro. Sono soprattutto le aziende grandi, quelle con più di 50 dipendenti,  a mostrare la maggiore indifferenza al genere. I settori: le public utilities (66,2%), i servizi (63,3%) , soprattutto quelli finanziari e assicurativi (85,2%) e informatici e telecomunicazioni (80,6%).  La presenza femminile risulta favorita particolarmente rispetto a quella maschile (20,1% contro il 16,6%) soprattutto negli studi professionali (48,8%), nei servizi culturali e sportivi (29,8%) e nella sanità e assistenza sociale (27,8%).
Una conferma delle tendenze già evidenti arriva, invece, dai dati sulla propensione dei/delle giovani a mettersi in proprio: più di una impresa su quattro tra quelle avviare da un under35 é guidata da una donna (27,7%)  mentre  il tasso di femminilizzazione al vertice sul totale delle imprese italiane si ferma al 21,4%. In sei mesi, poi, le attività giovanili femminili sono aumentate del 5,8%, quelle promosse dalle imprenditrici di tutte le età dello 0,8. In Umbria, Abruzzo e Basilicata, infine,  le donne incidono sul tessuto imprenditoriale con tassi che superano in media il 30%.