Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dirty Job / La più diffusa discriminazione sul lavoro é legata all’età: lo dicono i dati dell’Unar

Equality
La più diffusa discriminazione sul lavoro é quella legata all'età. Succede in Italia nel 2013 e, secondo i dati dell'Unar diffusi oggi, succede in particolare nella fase di accesso all'occupazione .  L 'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri.  Al momento
Logo_unar_web
della selezione si verifica la maggior parte delle azioni discriminatorie: 71,9%. Il 47,8% riguardano l'età  (47,8%), il 37,7% la razza e l'etnia. Le discriminazioni per la disabilità sono il 5,6%, quelle di genere il  6,5% . Parliamo qui di denunce al contact center dell' ufficio ( (800.90.10.10, www.unar.it) . Le segnalazioni provengono soprattutto dal Nord (65,6%), il 24,7 sono arrivate dal Centro Italia mentre dalle Regioni del  Sud solo il 9,6%
Altra tendenza riportata, é che nel 2013  le segnalazioni di
discriminazioni nel mondo del lavoro sono diminuite dal 37,7% del 2012 al 16%: meno della metà. Resta da capire se il calo così sensibile si debba a fenomeni virtuosi (l'impegno delle
associazioni ed organizzazioni attive sul territorio e la diffusione di politiche di diversity management nelle ziende, come sostiene  Marco Buemi dell'Unar) o a una delle tante involuzioni a cui stiamo assistendo : meno lavoro in generale, più paura di mettere a rischio il proprio o di esporsi. O sfiducia nell'utilità di denunciare.       
Contemporaneamente, invece, sono aumentate le discriminazioni segnalate sui media (26,2%, 354 casi, colpevole soprattutto il  linguaggio usato) e nella vita di relazione (21,1%).  Il rapporto completo dell'Unar verrò presentato il 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo. Dal 1 luglio al 31 dicembre,  semestre italiano di presidenza europea sono in programma iniziative intensificate "per una maggiore diffusione della cultura della differenze".   Sul fronte della diversità e dell'inclusione ( vale a dire le vere pari opportunità per tutti , indistintamente), non si può non concordare con l'Unar,  c'è molto da fare.
Sempre in tema di diversity, l'ultimo video di Job24:

Libri – "Generazioni in azienda": gestire senior e millennials – Maria Cristina Bombelli, Presidente Wyse-Growth