Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lavori in corso / A Expo2015 terzo settore e società civile del pianeta trovano casa e voce. Al via oggi il primo concorso di idee

 

Triulza3
Non era mai successo che il mondo del terzo settore e dell'associazionismo partecipassero a una Esposizione internazionale: la prima volta sarà a Milano per Expo2015 . Le organizzazioni del no profit  e della società civile hanno trovato casa e voce alla Cascina Triulza.  Abiteranno nell'unica struttura non edificata ex novo del sito di Expo: il loro Padiglione, infatti, sarà una tipica cascina milanese (sì, perchè esiste anche una Milano agricola, meno raccontata della Milano da bere e dei vari quadrilateri), con la corte, la casa e il granaio, che si trova a 700 metri dall'ingresso principale  ai padiglioni.  E che, con i suoi 8mila metri quadri di spazio, continerà ad essere accessibile e vissuta anche dopo il 2015, quando l'esposizione farà le valigie per Dubai . 
Sono 58  le organizzazioni del terzo settore e della cittadinanza attiva che animano la Fondazione Triulza e si fanno promotrici del progetto che si é
Triulza1
dato come tema "Exploding energies to change the world" e, come obiettivo,  portare  nell'ambito di Expo2015 la testimonianza del cambiamento che nasce dal basso grazie alla forza tranquilla ma potente delle iniziative del volontariato, dei cittadini e dei giovani che si mettono insieme.  Il progetto prevede anche il coinvolgimento diretto di questi soggetti nell'inventare e realizzare il "Progamma culturale" che si svolgerà nella cascina per i sei mesi dell'Expo, da maggio a fine ottobre 2015.  Come ha spiegato oggi durante il lo start ufficiale la  direttrice  del "Padiglione della Società Civile- Cascina Triulza" Chiara Pennasi, "non sarà la Fondazione a riempire spazi  e temi con i propri contenuti: la cascina vuole essere un contenitore aperto che accoglie e ospita idee e iniziative". 
Proposte di eventi, attività culturali, mostre, convegni, momenti di intrattenimento  saranno raccolte tramite concorsi di idee a cui saranno ammesse tutte le realtà del non profit e del civismo  internazionale, anzi " del pianeta, quelle che il tema del cambiamento l'hanno sempre vissuto" come ha sottolieato  il presidente della Fondazione Sergio Silvotti. Istituzioni pubbliche, enti,  aziende potranno partecipare solo in partenariato o in veste di sponsor.  L' idea che sta dietro a questa  presenza all' Expo milanese é anche sperimentare modelli nuovi di collaborazione tra mondo profit e mondo no profit, ha spiegato ancora Chiara Pennasi. La sollecitazione é a presentare progetti che, oltre a mostrare e informare,  riescano a coinvolgere i visitatori "facendo vivere loro una esperienza". Anche i singoli cittadini potranno collaborare con la Fondazione Triulza in attività di volontariato che saranno strutturate nei prossimi mesi.  Non c'è il rischio, infine,  che il padiglione "sociale" diventi una specie di mondo a parte : i temi non resteranno confinati in cascina ma , lo  ha assicurato la commissaria generale Diana Bracco,  saranno diffusi e disseminati in tutte le iniziative Expo e in particolare nel Padiglione Italia.
La prima call internazionale di idee "Exploding your idea" é partita oggi, per presentare le proposte c'è tempo fino al 30 aprile 2014.