Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

JobSearch / Io, robot tu candidato: fai la conoscenza con gli ATS, le macchine che leggono il tuo cv

Robotats
Ai promotori del curriculum vitae "creativo", sempre più numerosi ultimamente su siti, social media e pagine cartacee con i loro garruli consigli personalizzanti, mi permetto di raccomandare,  a mia volta, la lettura dell'infografica postata qui sotto. L'ho trovata in un articolo dell'ottimo e irriverente blog statunitense Undercover Recruiter,  dedicato agli ATS, Application tracking systems.
Si parla di quelle applicazioni software che negli Stati Uniti  vengono usati in larghissima scala dalle HR (anche  se in questo caso l'aggettivo human risulta abusato, direi proprio off topic..)  e dai selezionatori per fare la prima grossolana scrematura dei curriculum arrivati online. Sostengono diverse fonti citate dal blog che,   se siete un candidato americano, avete  dal 75 al 78% di probabilità che la vostra accurata bio ( in imglese "résumé") sia affidata alla lettura di occhi  non umani,  in prima battuta. Che la procedura automatizzata é utilizzata dal 85% delle organizzazioni, comprese quasi tutte le Fortune500,  e da metà delle medie imprese per risparmiare denaro e innanzitutto tempo, visto che appena il 35% delle candidature in arrivo da Internet é allineata con la posizione in ricerca. Questo succede perchè il candidato applica i tempi  internettiani e  spende 50 secondi in media per leggere il testo delll'annuncio prima di cliccare l' invio del suo cv.  Come dire che il robot selezionatore ve lo siete cercati e un po' ve lo meritatate. E siccome lo scopo degli autori in Undercover non é seminare il panico tra i suoi lettori, che sono i cercatori di lavoro,  non mancano nella parte finale dell'infografica anche i suggerimenti do's and dont's per redigere un cv" robot-friendly".  Essere candidati simpatici,  sexy e grondanti arguzia e orpelli tipgrafici non serve a niente, se il vostro interlocutore a distanza é una app . Il primo e fondamentale  principio quindi é: evitate i formati strani e attenetevi alla sana e vecchia costruzione in sezioni quella che il robot riconosce, digerisce  e metabolizza. In questo modo il cv é salvo e passa il turno, altrimenti no.  Lasciar perdere  font strani, loghi, le e tabelle e le abbreviazioni gigione da "iniziati" , mettere molte parole chiave e  le informazioni di contatto bene in evidenza, poi, sono regole di umano buon senso che vengono di conseguenza…Ecco l'infografica ( clikkandoci sopra si ingrandisce)

Robots-reading-resume