Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne & Potere / Ricambio manageriale: in cinque anni più donne al comando in UK, ma il merito é delle start -up. Intanto in Francia…

Women-in-tech
Negli ultimi cinque anni in Gran Bretagna il numero delle donne manager, dirigenti  o titolari di impresa  é cresciuto del 24%, contro il 15 % in più di responsabili  o capiazienda  maschi.  In valori assoluti, le donne manager sono aumentate di 240mila tra il 2007 e il 2012,  leggo da una ricerca realizzata da Experian, che é una società multinazionale di servizi  informatici con sede a Dublino. Merito soprattutto, dice lo studio, delle start -up e delle piccole aziende, anzi, piccolissime.  I settori  con i maggiori progressi, poi,  sono quelli tradizionalmente praticati dalle donne per l'autoimprenditorialità : cura della persona, formazione,  servizi creativi e a carattere sociale.
Quasi un terzo degli 1,4  milioni di imprese nate nel quinquiennio in UK ha almeno una donna manager e così il 50% delle imprese con 3-10 dipendenti, mentre il 40% delle organizzazioni che hanno oltre 250 addetti conta almeno una presenza femminile nelle stanze delle decisioni. Quota comunque in rialzo: nel 2007 erano solo (si fa per dire..) il 33%. Dato interessante: l'affluenza delle donne ha permesso alla categoria britannica di ambo i generi di assorbire in gran parte la botta delle  297 mila posizioni perse nello stesso periodo per chiusure o ristrutturazioni. Insomma, una operazione di ricambio demografico forzata dalla congiuntura economica più che dalle quote: sarà interessante vedere le ricadute sugli stili manageriali  e sul business (per quanto micro)  di questa alternanza di genere negli anni a venire. 
Un bilancio, e severo, di come va invece in Francia e a livello di big company dopo l'approvazione nel 2011 della legge sulle quote rosa (20% di posti alle donne nei cda entro il 2014, 40% entro il 2017) lo faceva ieri il Financial Times. A un anno di distanza, molte donne sono state nominate precipitosamente in posizioni manageriali però non executive ed é capitato anche che queste carriere - e le loro titolari – venissero guardate con condiscendenza come concessione
Senequier
simbolica.  Tipica reazione intimorita del club dirigenziale maschile a un cambiamento troppo veloce e prescrittivo, pensa la manager di lungo corso Dominique Senequier, ad di Axa private equity, sostenitrice molto tiepida del metodo delle quote. Ed é dato di  fatto, nota l'Ft, che nessun'altra donna affianca ancora Patricia Russo, Ceo di Alcatel -Lucent , tra l'altro americana di nascita e per carriera,  al vertice di una delle top40 organizzazioni di Francia.   
   VIDEO – Job creation – Start – up innovative e occupazione: tutte le novità della legge 221 del 17 dicembre – Avv. Anna Maria Corna – Trifirò e Partners- Job24