Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il lato B / Facciamo anche noi il gioco del Pantheon, però parlando del lavoro…

Confronto_skytg24_primarie_centrosinistra_01
Infuria ovunque da questa mattina "il gioco del Pantheon". Tutto nasce dalla domanda  "Fate due nomi del vostro Pantheon di sinistra” che é stata rivolta ieri sera ai cinque candidati alle primarie del centrosinistra in conclusione del confronto stile talent show (analogia inevitabile anche per via dell'estetica: il teatro era lo stesso di X Factor…) in onda su Sky e Cielo.
Programma tv seguitissimo e ancor più discusso ex post, anche grazie, appunto,  al quesito e alle risposte piuttosto spiazzanti fornite dai leader. Allora mi é venuta voglia di farlo anche qui su JobTalk, il giochetto. Con il lavoro al centro, naturalmente.   
Così ho chiesto  "Fate due nomi del vostro Pantheon del lavoro" agli esperti che vedete e ascoltate abitualmente su Job24.it. Personaggi ispirazionali già in proprio, ecco che cosa mi hanno risposto:
Roberto D'Incau, cacciatore di teste e life-executive coach, ha scelto Adriano Olivetti ed Enzo Ferrari. Motivazioni: il primo come il simbolo dell'imprenditore illuminato e aperto al sociale "la social responsability dell'impresa ante litteram" spiega Roberto D'Incau. Il secondo perchè incarna "la passione che diventa un business e un simbolo dell'eccellenza italiana nel mondo"
Vota Adriano Olivetti anche Enrico Bertolino e aggiunge, da lombardo, un nome local: quello di Giovanni Borghi, industriale degli elettrodomestici di Varese e dello sport , patron (negli anni 60 si diceva così) della Ignis, intesa come azienda e come squadra di basket.  Celebre la sua frase "Sa'l custa?" (traduzione: "Quanto costa?"). 
Nomina Pier Luigi Celli e Frederick Winslow Taylor  Leonardo Previ ,  docente di Storia Economica della Cultura alla Cattolica, formatore manageriale innovativo, anche adoperando il Lego (é Certificate Facilitator di Lego Serious Plays,  cliccate la videointervista online  oggi su Job24.it per capire che cosa vuol dire).  Pier Luigi Celli, per il rigore intellettuale e l'amore per il rischio; Frederick Taylor "perché ha aiutato tutti noi a capire cosa NON fare quando si organizza il lavoro di qualcuno". Il lato B, quello più attuale,  del taylorismo, praticamente…
Nel Pantheon lavorativo di Giovanna Giuffredi, l'altra coach preferita di Job24 e di  La7, psicologa, ci sono  l'indiano Deepak Chopra, maestro della meditazione, "che mi ha ispirato nel mio lavoro, e che incontrerò di nuovo tra breve", e il Mahatma Gandhi "perchè c'é bisogno di spiritualità in questo momento!". Una frase: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo".
Non se ne avrà Giovanna se qui aggiungo anche la mia citazione preferita del "suo" personaggio di riferimento: “First they ignore you, then they ridicule you, then they fight you, and then you win.”  prima di aggiungere il mio Pantheon personale. Ovvero Daniel Goleman , padre della teoria d'intelligenza emotiva e Gino Giugni, padre dello Statuto dei Lavoratori.
Motivazioni: Goleman perchè il fatto che i primi della classe raramente sono i primi nella vita lo sapevamo tutti,  ma nessuno ci aveva mai spiegato perchè. Adesso che finalmente lo sappiamo, possiamo rivedere tutta la scala dei valori che alla fine contano nel lavoro e nella vita.  E meno male.   
Il prof Giugni perchè, come ho scritto in un post nel 2009 quando lo salutammo, le immagini sue che circolano in Rete sono in bianco e nero, le idee però sono luminosissime.
Se ricevo altre risposte, aggiorno…