Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ma si può lavorare così ? / Il ministro Fornero e le braccia rubate all’agriturismo

Forneropendoor
La battuta di oggi del ministro Elsa Fornero l'hanno (appunto) battuta le agenzie poco fa. L'agricoltura rende le persone sempre giovani, ha detto a un convegno di Confagricoltura, citando il presidente Napolitano che, in un intervento alla Fao tempo fa, aveva a suo volta dichiarato che l'occupazione in agricoltura é adatta per i giovani. "Io ho inteso – é la dichiarazione forneriana riportata da AdnKronos – che non é  per i giovani in senso anagrafico, ma ti mantiene giovane, ti tiene giovane ad ogni eta'. Io ho interpretato questo messaggio cosi".
Prima che si scateni il quotidiano putiferio  (cartaceo e in Rete) degli indignati & offesi contro i solidali & divertiti, dei bucolici contro i tempomodernisti, con il prevedibile  strascico lungo giorni e giorni (che barba e che poca fantasia questa ripetizione del "choosy" applicato a ogni contesto, no?) , mi permetto due note a margine.
Prima nota: la moda del fitness outdoor con la  zappa come alternativa ai pesi e al tapis roulant indoor l'ha lanciata ormai anni fa Michelle Obama. Splendida quasi-50enne, quindi non giovane, ma indubbiamente atletica grazie all'esercizio quotidiano nell' orto della Casa Bianca. Sarà mica allora, questa nuova uscita creativa di Fornero, un omaggio alla vittoria di Obama? O anche solo una semplice interferenza non intenzionale della pioggia di notizie presidenziali sullo speech odierno del ministro?
Seconda nota:  qualche settimana fa, una indagine di Swg commissionata invece da Coldiretti e uscita in apertura del Salone del Gusto-Terra Madre a Torino (quindi l'esito andrebbe preso con le cautele del caso) rilevava che, effettivamente,  la metà dei giovani tra i 18 e i 34 anni  preferirebbe gestire un agriturismo al posto fisso da impiegato in banca (23%) o  in una multinazionale (19%). Venute meno le garanzie del tempo indeterminato e lo stipendio sicuro, questa  era l'interpretazione dei dati di Coldiretti, per i rispondenti perdono appeal i lavori poco gratificanti  sedentari  e gerarchici, e ne acquistano gli altri. Per esempio, il lavoro in campagna. O piuttosto, come spesso accade parlando di aspirazioni e attitudini dei giovani, causa la mancanza di un sistema di orientamento professionale serio informato e capillare, l'idea del lavoro in campagna.
Attenzione: il lavoro agricolo e/o agrituristico quello vero (non quello "percepito")  é tutt'altro che
Mauro-corona
leggero, libero, romantico e glam. Nè avventuroso e anche un sacco alternativo come appare, magari nelle interviste tv dei guru del ritorno alla natura tipo Mauro Corona .  Al contrario, é un mestiere faticoso e vincolante  come pochi, e poi non si improvvisa: richiede competenze e investimenti.  Come e direi più di altri lavori, quindi deve proprio piacere. "Chi è fatto per l'aria aperta non si rassegna a stare chiuso", scrive Corona. Ma bisogna essere già un po' come lui, e non accorgersene a un certo punto, perchè c'è la crisi. Altrimenti dopo un po' si scappa. Per tornare, braccia rubate all'agriturismo, a cercare un posto di quelli con le ferie e la macchinetta del caffè, in centro città e con l'aria condizionata. E che si fa sempre più fatica  a trovare.
Terza nota last minute & breaking news : interessante e tutta da studiare come fattibilità, invece, la proposta formulata da Confagricoltura, che la suggerisce come riforma del genere "a costo zero", di una formula contrattuale di "assunzioni di gruppo" tra piccole imprese per l' inserimento dei giovani.