Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Busta paga bonus & benefit/ Essere un manager attento all’etica non conviene: si guadagna di meno

Essere un manager attento all'etica non conviene: si guadagna di meno. L'ho letto oggi su Manageronline : dice il Journal of Economic Behaviour & Organization che  i manager attenti all'etica sono pagati fino al 6,5% in meno di quelli "senza valori". Non solo, gli uomini "scorretti" guadagnerebbero il 7,1% in più rispetto alle colleghe donne, nonostante il fatto che queste ultime, al contrario dei colleghi, risultino avvantaggiate nella retribuzione (più alta del 5,5% della media) se nel cv indicano studi specifici sui temi legati all'etica. L'angolo della bontà, si sa, è uno spazio squisitamente femminile e come tale (purchè accomodato nei suoi bravi confini) va incoraggiato. 
Attenzione. L'articolo parla di junior manager, studiati subito dopo l'uscita dalla business school, nei primi otto anni di sperienza del mondo del lavoro. Ovvero quel periodo della vita in azienda in cui si formano i valori personali e professionali che orientano le scelte. Le proprie e, trattandosi di manager, le scelte e delle imprese e la vita delle tante persone che ci lavorano.  Il tema sono i singoli e le carriere, ma anche il futuro, quindi. Non si scappa. 
Secondo Zygmunt Bauman, stiamo vivendo vite che non possiamo permetterci, come recita il titolo del suo libro edito in Italia da Laterza, e per averne uno, di futuro, saremo costretti a diventare migliori , ridefinendo il concetto di felicità e slegandolo dalla ricchezza. Non so quanto ci costerà, si domandava il vecchio sociologo, intervistato  l'altra sera in tv a Ballarò. Si sa però chi ci guadagnerà: i manager giovani di oggi, quelli più poveri in busta paga perchè sono attenti all'etica, forse saranno i ricchi di domani. E saranno il modello della leadership vincente. Almeno seguendo la logica di Baumann. E se crediamo ai dati sopra, le donne anche di più. 
A proposito di manager e di felicità, online su Job24.it, il canale lavoro de Il Sole 24 Ore, c'è il nuovo audiopost di Enrico Bertolino he si intitola "Ridership, ovvero la leadership del sorriso (chi troppo e chi niente)"
 SEGUI JOBTALK E JOB24.IT E COMMENTA SU TWITTER CON 24JOB