Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mille euro /Dalla Fondazione per il Sud 2,1 milioni di euro per trattenere i laureati eccellenti. Trattenere fino a quando?

Costo della vita più elevato, qualità della vita meno, eppure i giovani del Sud che animano l'emigrazione interna (che è in ripresa negli ultimi cinque anni e riguarda, guarda un po', soprattutto i lavoratori o aspiranti tali con titoli di studio elevati ed ambizioni minime quantomeno) poi restano al Nord e non tornano, nella gran parte dei casi, e l'innovazione che avrebbero da mettere in valigia non fa il percorso inverso… 
SEGUI JOBTALK E JOB24.IT ANCHE SU TWITTER CON 24JOB   
 
di Fabrizio Buratto.- Su 100 laureati meridionali, circa 30 trovano lavoro al Centro-Nord, mentre fra il 2000 e il 2005 sono 80 mila i laureati del Mezzogiorno emigrati nel nord Italia, secondo una stima della Svimez (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno) e della Banca d’Italia. Per tentare di arginare questa tendenza, la Fondazione per il Sud   ha erogato 2,1 milioni di euro che andranno a finanziare 6 “iniziative esemplari” sul territorio delle regioni meridionali: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. Fra i progetti proposti dalle Università, La Fondazione per il Sud ha ritenuto “iniziative esemplari” quelli di 5 atenei: l’Università degli Studi della Basilicata, l’Università degli Studi di Foggia, l’Università degli Studi di Salerno, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e l’Università del Salento, che sperano in questo modo di trattenere i cosiddetti talenti, ovvero i laureati con i voti più alti.
Interessante il Master di I° livello in “Promozione, valorizzazione e riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata”, che vede come regione d’intervento la Campania con uno stanziamento di 355.000 euro, mentre la Puglia punta sulla “creazione di figure professionali di  eccellenza per le esigenze del comparto agro-alimentare meridionale”, e per farlo dispone di 265.000 euro. Tutte e sei le regioni formeranno “professionisti del monitoraggio ambientale e la sicurezza idrogeologica”, per uno stanziamento complessivo di 345.000 euro. Stupisce la mancanza di un progetto dedicato al valore artistico di un territorio che fu parte della Magna Grecia, con siti archeologici abbandonati a se stessi, come gli scavi di Pompei, o perle come la Valle dei Templi di Agrigento. Il territorio appunto, martoriato non solo dalle calamità naturali – l’Italia tutta è a forte rischio idrogeologico – ma soprattutto dalla calamità non naturale delle mafie. Le organizzazioni malavitose seguono i capitali e quindi sono presenti anche nel nord Italia   – di questi giorni la notizia di operazioni illecite perfino in Borsa  – però al sud, si sa ma si dà tragicamente per scontato, detengono il controllo di grosse fette del territorio. Difficile dunque, per un imprenditore, cercare consulenze per l’innovazione aziendale senza capitali da investire perchè erosi dal pizzo.
 Perciò ben venga il “percorso di alta formazione per esperto in ricerca e innovazione aziendale” attivato in Puglia e Basilicata. La Svimez rileva che “il 50% dei giovani immobili al Sud non arriva a 1000 euro al mese, mentre il 63% di chi è partito, dopo la laurea guadagna tra 1000 e 1500 euro.”
Ma questi dati non tengono conto del costo della vita, molto più elevato al nord, dunque la differenza nel

Locandinapaola
potere d’acquisto risulta minima. E la qualità della vita? L’aria di una qualunque città della pianura padana è paragonabile a quella della costa tirrenica, adriatica o ionica? I fattori che spingono i giovani cervelli alla fuga, con tutto il corpo al seguito, non devono essere di natura economica o climatica. E che ne sarà dei giovani talenti coinvolti nei progetti, una volta finiti i 30 denari erogati dalla Fondazione per il Sud?
 dire. 
MARATONA D'AMORE E //  E' LAVORO 13 FEBBRAIO MILANO LIBRERIA MONDADORI DUOMO ORE 15 - 20 VENITE A LEGGERE CON PAOLA CALVETTI E CON ME IL VOSTRO LIBRO DEL CUORE