Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il lato B / E’ la Giornata della memoria: prendiamoci un minuto libero, perdiamolo per pensarci, noi che siamo liberi

GIORNOCINQUE_010
Si può partecipare alla Giornata della Memoria, che è oggi, anche senza alzarsi della scrivania. Perdiamo qualche minuto, ma non sarà perso, rubiamolo alla pausa caffè o alla ricognizione su Facebook,se proprio ci atterrisce l'idea di essere o farci vedere improduttivi, per fare un giro in questo sito
E' quello che ospita un film che si chiama  “Fratelli d’Italia?”  girato con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano intorno al Binario 21, Stazione Centrale di Milano, che è famoso anche se non si vede, perchè da lì sono partite verso i campi di sterminio in un solo giorno oltre 600 persone come noi, italiane come noi, milanesi come me, ma prima di tutto persone, stipate nei treni blindati. La loro storia, oggi, ci viene raccontata da un gruppo di ragazzi che si aggirano per la Stazione Centrale in mezzo ai viaggiatori e ai treni di un giorno qualunque e sono tali e quali, con i giacconi e le sciarpe a colori,  ai nostri figli, nipoti, figli degli amici, allievi, colleghi più giovani. Tali e quali. Solo che sono i figli, i nipoti, i pronipoti dei deportati e dei perseguitati di origine ebraica. Far parlare loro, affidare al loro racconto le vicende di cui furono protagonisti e vittime i genitori dei loro genitori e i loro familiari mi sembra una grande idea. Perchè il film, che usa il computer come un contenitore simbolico Memoria, fa un uso virtuoso di animazione in 3D e ha anche un profilo su Facebook, è rivolto prima di tutto ai ragazzi di oggi, che sanno poco soprattutto perchè gli si racconta e gli si mostra poco, a casa in tv al cinema, di questa e altre storie. Ma è anche un memo contro l'indifferenza e l'amnesia di tutte le età. Nessuno è immune dalla sindrome del riccio.
Saà per questo che a sentire Gioele Dix che cita Primo Levi viene un brivido che non passa subito: “Spaventa il pensiero di quanto potrà accadere fra una ventina d’anni quando tutti i testimoni saranno spariti. Allora i falsari avranno via libera, potranno affermare o negare qualsiasi cosa”.
Perdiamoci o prendiamoci un minuto, oggi.

Fratellid'Italia? Un film per tramandare la storia – Trailer

 SEGUI JOBTALK E JOB24.IT ANCHE SU TWITTER CON 24JOB